notiziario sanitario n 3

                    DICEMBRE 2006  

 

 

                                 

NOTIZIARIO SANITARIO N. 3

                                                   DICEMBRE  2006

 

 

POLIZZA UNISALUTE

 

 

Già in precedenti numeri abbiamo sollecitato gli iscritti ad informarci circa i disservizi, i ritardi  ed i mancati rimborsi da parte della Società UNISALUTE sia per  poter contribuire a risolvere eventuali controversie che per acquisire, in vista della prossima scadenza della polizza, elementi conoscitivi per  modificare tali comportamenti.

 

Ebbene oltre alle costanti segnalazioni sui ritardi nella liquidazione dei sinistri (ben oltre il mese previsto dalla polizza,dalla rimessa dei documenti, mediamente tre mesi), dalle frequentissime contestazioni circa l’incompletezza delle diagnosi mediche, riteniamo molto spesso   pretestuose, ci viene segnalato da un socio un episodio che merita una riflessione.

 

Il collega in pensione è stato sottoposto ad intervento chirurgico, inserito fra i grandi interventi nella polizza Unisalute, presso l’Ospedale Fiorentino di Careggi con degenza protrattasi dal 15 Febbraio  al 25 Febbraio  2006 ed ha rimesso con Assicurata r.r. la cartella clinica in data 14 Giugno 2006; poiché il rimborso avvenuto è stato inferiore di Euro 275  per l’errata applicazione della franchigia dei cinque giorni  il collega ha nuovamente  provveduto con Raccomandata r.r. in data 25 Settembre 2006  a richiedere  la somma non rimborsata, rimettendoci copia della lettera per conoscenza, allegando nuovamente idonea documentazione in duplicato.

            Nel precisare che la pratica è stata oggetto di numerose telefonate con la Società UNIPOL per chiarire i termini del disguido, quest’ultima con lettera del 2 Ottobre 2006 riconfermava la non debenza dei cinque giorni  iniziali rispetto ai dieci, riconfermando che esisteva la franchigia dei primi cinque giorni, nonostante che il socio avesse, anche dietro nostra conferma, ripetuto più volte che si trattava di intervento compreso fra i grandi interventi non soggetti a franchigia. 

            A quest’ultima lettera il collega stufo del comportamento scorretto e dichiaratamente elusivo della Compagnia UNIPOL si metteva in contatto telefonico con quest’ultima minacciando di adire le vie legali per ottenere quanto di spettanza.

            E’ singolare come d’incanto, dopo solo qualche ora, il medesimo sia stato richiamato dalla Compagnia UNIPOL per scusarsi dell’accaduto e per confermare l’accredito dei 275 euro mancanti, pur se non con giusta valuta!!!! 

 

NEL RIMARCARE IL COMPORTAMENTO SCORRETTO E NONOSTANTE  LE RIMOSTRANZE DOCUMENTATE, RIPETUTO NEL TEMPO, RITENIAMO  CHE  TALE MODALITA’ SIA  UNA FORMA DI  OSTRUZIONISMO NON CASUALE  CHE MOLTE VOLTE  RAGGIUNGE L’OBIETTIVO DI SCORAGGIARE IL SINISTRATO DAL PROSEGUIMENTO DELLA VERTENZA, APPROFITTANDO ANCHE DELLA BUONAFEDE E DELLA INCOMPLETA CONOSCENZA DEL CONTENUTO DELLA POLIZZA!!!

 

RICORDIAMO CHE ALLA FINE DEL 2007 SCADRA’ NUOVAMENTE LA POLIZZA  CON LA SOCIETA’ UNIPOL, NEL RICHIAMARVI ALLA MASSIMA ATTENZIONE NEL PRETENDERE QUANTO DOVUTO SIA IN TERMINI DI RIMBORSO CHE DI TEMPI PREVISTI, VI PREGHIAMO NUOVAMENTE SEGNALARCI QIUALSIASI ANOMALIA RISCONTRATA  NELLE PROCEDURA DI RIMBORSO.

 

DA PARTE NOSTRA CI  SIAMO GIA’ ATTIVATI PER AVERE VALIDE ALTERNATIVE, SIA IN TERMINI DI COSTO CHE DI  COPERTURA PER TROVARSI PRONTI PER IL PROSSIMO APPUNTAMENTO.

 

AMBULATORI DELLA MISERICORDIA DI FIRENZE

 

Dal  Giornalino “I Pensionati” n. 8   riteniamo utile ampliare ed aggiornare l’informativa circa le prestazioni  erogate nelle tre sedi ambulatoriali sotto indicate:

 

-         Vicolo Adimari n. 1                                       Tutti gestiti attraverso un call center

-         Viale dei Mille n. 32                                     TEL.848*812221

-         Via del Sansovino n. 176

 

Negli elenchi allegati sono riportati in dettaglio i medici che prestano la loro attività, nelle tre sedi e  nelle varie specialità  (in convenzione ASL, Intramoenia, privatistica), gli orari (suscettibili di variazioni  che potranno essere conosciute attraverso il call center).

E’ inoltre in corso un potenziamento dell’attività diagnostica  che dovrebbe consentire un minor tempo di attesa ed in caso di prestazione privatistica un contenimento dei costi rispetto alle strutture private di circa il 30%. (Attualmente visite specialistiche mediamente intorno ai 25 Euro con alcuni casi a 35 e 40 Euro - Ecografie costo 77/88euro rispetto ai 120/150 degli Istituti Privati – Eco colordoppler dai 55 ai 103 euro). I prezzi analitici sono disponibili presso L’Associazione Pensionati ed ovviamente potranno essere suscettibili di aumenti nel tempo.

 

 

 

SI RICORDA CHE LA MISERICORDIA DI FIRENZE FORNISCE  SERVIZIO PER ALZARE E CORICARE I MALATI, COMPRESO IL  CAMBIO DI BIANCHERIA (Resp. Sig.ra Pacini Cristina numero diretto 055*2393991), SERVIZIO  DI TRASPORTO CON MEZZI SPECIALIZZATI PER ACCERTAMENTI VARI PRESSO STRUTTURE OSPEDALIERE ECC. IL TUTTO CON PRENOTAZIONE AL NUMERO VERDE.

 

VISTA LA COPERTURA TERRITORIALE  SIA DEGLI AMBULATORI CHE DEGLI ALTRI SERVIZI SIAMO CERTI CHE ANCHE ATTRAVERSO QUESTE STRUTTURE SARA’ POSSIBILI SODDISFARE  LE ESIGENZE DEI COLLEGHI CON MAGGIORE TEMPESTIVITA’  ED ECONOMICITA’.

 

Ambulatori

Vicolo degli Adimari, 1

(Ascensore per disabili). Direttore sanitario dr. Riccardo Gionata Gheri

Orario di apertura: feriali ore 08.00-20.00, sabato 08.00-13.00

Per appuntamento telefonare 848 - 81.22.21 - Per tutte le specialità occorre prenotare la visita


 

Agopuntura

Dr. Rosa Di Lernia mercoledì 09.30 – 12.30

Allergologia

Dr. Francesca Chiarini giovedì 08.00 – 09.20

Angiologia

Dr. Nicolina Cavallaro giovedì 13.30 – 14.30

Dr. Maurizio Tarantelli martedì 16.00 – 16.40

Cardiologia

Dr. Alessio Montereggi lunedì 16.00 – 18.30

Dr. Maurizio Tarantelli martedì 16.45 – 17.45

Dr. Maurizio Pollastri giovedì 14.30 – 16.30

Dr. Paolo Pucci venerdì 15.00 – 16.00

Chirurgia

Dr. Riccardo Gattai mercoledì 17.00 – 19.00

Dr. Livio Carini mercoledì 15.00 – 15.45

Chirurgia della mano

Dr. Lodovico Stellini martedì 08.30 – 09.30

Chirurgia della mano

e della spalla

Dr. Giuseppe Checcucci mercoledì 14.00 – 15.00

Chirurgia vascolare

Dr. Elio Ferlaino martedì 15.00 – 17.00

Dermatologia

Dr. Carmela Cozza lun. mer. 10.30 – 12.00

giovedì 17.00 – 18.30

sabato 10.00 – 12.00

Dr. Luca Brandini lunedì 17.00 – 19.00

Dr. Gastone Bianchini martedì 13.30 – 15.00

Dr. Annalisa Rapaccini mercoledì 14.10 – 16.20

Dr. Elena Quercioli giovedì 08.30 – 12.00

Dr. Maria Coppini venerdì 09.30 – 13.00

Dr. Francesco Perrelli venerdì 16.00 – 18.00

Dr. Luca Salimbeni venerdì 16.30 – 19.00

sabato 08.30 – 10.00

Dietologia

Dr. Laura Masi lunedì 08.30 – 11.00

Endocrinologia

Dr. Laura Masi lunedì 08.30 – 11.00

Prof. Renato Guazzelli giovedì 10.30 – 12.30

Gastroenterologia

Dr. Beatrice Paoli martedì 16.00 – 18.30

Dr. Manuela Ortolani giovedì 16.00 – 18.30

Geriatria

Dr. Raffaele Carrega Bertolini

lunedì 10.00 – 13.30

Ginecologia

Dr. Ida Cristina Pieraccini

lunedì/mar./mer. 10.30 – 13.00

mercoledì 16.30 – 19.00

Dr. Anna Didona venerdì 11.00 – 13.00

Dr. Donatella Nannoni lunedì 15.00 – 19.00

venerdì 15.00 – 19.00

Dr. Laura Falchi sabato 09.00 – 12.00

Neurologia

Dr. Paola Ragghianti giovedì 08.30 – 10.30

Ortopedia

Dr. Francesco Giannangeli

lunedì 15.00 – 17.00

Dr. Carlo Roseti martedì 10.00 – 11.30

Dr. Giangiuseppe Lepri Alberti

martedì 16.00 – 18.00

Dr. Filippo Poccianti lunedì 17.30 – 19.00

mercoledì 17.30 – 19.00

Dr. Roberto Virgili giovedì 16.00 – 19.00

Prof. Leonardo Grassi venerdì 10.00 – 12.00

Dr. Antonio Carosella sabato 08.45 – 11.15

Oculistica

Dr. Marco Ciaramelli lunedì 08.30 – 11.40

venerdì 08.30 – 12.40

Dr. Claudia Ponchietti lunedì 14.30 – 16.30

Dr. Stefano Esente lunedì 17.00 – 19.20

Prof. Riccardo Frosini martedì 08.00 – 09.00

Dr. Marco Allegranti martedì 11.00 – 14.00

Dr. Riccardo Paoletti Perini

martedì 15.00 – 16.30

Dr. Nicola Passarelli mar. ven. 17.50 – 18.50

Dr. Cecilia Nocentini mercoledì 09.00 – 11.00

Dr. Laura Bardi mercoledì 11.30 – 13.00

Dr. Saverio Matteini mercoledì 15.00 – 19.00

venerdì 14.00 – 16.00

Dr. Maria Antonietta De Giovanni

giovedì 08.00 – 13.30

Dr. Francesco De Saint Pierre

giovedì 15.30 – 19.00

Dr. Giuliano Bacci sabato 10.00 – 11.30

Dr. Angelina De Luca sabato 08.00 – 11.00

Odontoiatria

Dr. Riccardo Gizdulich lunedì 09.00 – 11.00

venerdì 17.30 – 19.00

Dr. Lorenzo Capei Chiaromanni

lunedì 12.00 – 13.00

martedì 15.00 – 17.00

mercoledì 09.00 – 11.00

giovedì 09.00 – 12.00

Dr. Eleonora Formichini Bigi

lunedì 15.00 – 17.00

mercoledì 13.30 – 14.30

venerdì 09.00 - 11.00

15.00 – 17.00

Dr. Marco Visani martedì 09.00 – 12.00

giovedì 15.00 – 19.00

Ortodonzia

Dr. Maria Cristina Martelli mercoledì 17.00 – 19.00

Otorinolaringoiatria

Dr. Giuseppe Gorini lunedì 10.00 - 12.00

17.30 – 19.00

mercoledì 17.00 – 18.30

giovedì 18.30 – 19.30

Dr. Ferdinando De Vito lunedì 14.00 – 15.30

Dr. Geri Toccafondi martedì 09.00 – 10.00

giovedì 14.30 – 15.30

Dr. Filippo Pontone martedì 11.00 – 12.30

Dr. Fausto Faleg martedì 15.00 – 17.00

venerdì 14.30 – 17.30

Dr. Luciano Traversi mercoledì 10.00 – 12.00

Dr. Attilio Alonzo mercoledì 14.00 – 16.00

Dr. Susanna Dallai giovedì 08.50 – 10.40

Dr. Paolo Ponticelli venerdì 08.50 – 11.40

Dr. Enrico Vallin sabato 08.30 – 10.00

Pneumologia

Dr. Alessandro Romeo martedì 11.00 – 13.00

Psichiatria

Dr. Carla Niccheri giovedì 08.30 – 10.30

Psicologia

Dr. Elisabetta Laszlo mercoledì 09.30 – 12.30

Dr. Giovanna Di Bartolo giovedì 17.00 – 18.30

Dr. Ana Maria Dona Novoa

sabato 09.30 – 12.00

Dr. Piero Tozzi per appuntamento

Reumatologia

Dr. Maria Letizia Conforti martedì 14.00 – 17.30

Terapia delle cefalee

Dr. Francesco De Cesaris venerdì 14.00 – 19.00

Urologia

Dr. Lorenzo Masieri martedì 17.00 – 19.15

Dr. Alessandro Della Melina

giovedì 17.30 – 18.45

Guardia medica turistica

(anche a domicilio)

da lunedì a venerdì 14.00 - 16.00

Holter pressorio lun./merc./ven. 14.00 - 16.00

Iniezioni intramuscolari

tutti i giorni feriali 08.00 - 10.00


 

 

Viale dei Mille, 32

Direttore sanitario dr. Riccardo Gionata Gheri

Orario di apertura: 08.30-12.30 / 15.00-19.30 Sabato 08.00-10.00 (solo iniezioni)

Per appuntamento telefonare 848 - 81.22.21

Per tutte le specialità occorre prenotare la visita


 

Agopuntura

Dr. Rosa Di Lernia venerdì 09.30 – 12.00

Allergologia

Dr. Stefano Turchini giovedì 17.00 – 18.30

Cardiologia

Dr. Maria Rosaria Di Troia lunedì 10.00 – 12.00

Dr. Roberto Macioce mercoledì 08.30 – 10.15

venerdì 17.00 – 19.00

Chirurgia

Dr. Riccardo Gattai lunedì 15.00 – 15.40

Dermatologia

Dr. Giuseppe Barbati lunedì 16.00 – 16.40

martedì 18.00 – 19.00

Dr. Francesca Gonnelli mercoledì 10.30 – 12.00

Dr. Luca Salimbeni giovedì 09.30 – 11.00

Dr. Carmela Cozza mercoledì 17.00 – 18.40

giovedì 15.00 – 16.00

Dermatologia pediatrica

Dr. Cesare Filippeschi martedì 10.00 – 12.00

giovedì 15.00 – 16.50

venerdì 15.00 – 16.50

Dietologia

Dr. Olga Bartolini lunedì 08.30 – 11.30

Endocrinologia

Dr. Riccardo Gionata Gheri per appuntamento

Dr. Olga Bartolini lunedì 08.30 – 11.30

Gastroenterologia

Dr. Beatrice Paoli mercoledì 17.30 – 18.30

Geriatria

Dr. Federico Mayer per appuntamento

Dr. Monica Pacini per appuntamento

Ginecologia e Ostetricia

Dr. Laura Falchi lunedì 17.00 – 19.00

Dr. Donatella Nannoni martedì 15.00 – 17.00

Dr. Anna Didona giovedì 15.00 – 16.30

Medicina genetica

Prof. Renato Guazzelli mercoledì 16.00 – 17.00

Neurologia

Dr. Paola Ragghianti martedì 08.30 – 10.00

Oculistica

Dr. Maria Gabriella Rossi lunedì 09.30 – 12.00

Dr. Maria Ilaria Legnaioli lunedì 15.30 – 18.30

Dr. Maria Antonietta De Giovanni

martedì 08.30 – 11.15

venerdì 15.00 – 19.00

Dr. Luigi Vitale martedì 15.00 – 18.00

Dr. Claudia Ponchietti mercoledì 15.00 – 16.00

Dr. Elena Desideri mercoledì09.00 – 12.00

Dr. Francesco De Saint Pierre

giovedì 08.30 – 12.00

Dr. Saverio Matteini giovedì 16.00 – 18.40

Dr. Laura Bardi venerdì 09.15 – 12.00

Ortopedia

Dr. Carlo Roseti lunedì 16.15 – 17.15

mercoledì 11.00 – 12.00

Dr. Francesco Giannangelimartedì 16.30 – 19.00

Dr. Filippo Poccianti mercoledì 16.00 – 17.00

Dr. Alberto Duprè giovedì 18.00 – 19.00

Dr. Flavio Biddau giovedì 17.40 – 19.00

Otorinolaringoiatria

Dr. Gennaro Ferriero lunedì 17.30 – 19.00

Dr. Chiara Cavicchi lunedì 10.30 – 12.00

Dr. Geri Toccafondi martedì 10.30 – 12.00

Dr. Tommaso Savino martedì 15.00 – 16.30

venerdì 16.30 - 18.40

Dr. Attilio Alonzo mercoledì08.30 – 09.30

Dr. Marco Lazzeri mercoledì 18.00 – 18.45

Dr. Filippo Pontone giovedì 15.00 – 17.00

Pediatria

Dr. Giovanni Grisolia lunedì 15.00 – 16.00

giovedì 09.30 – 10.30

Pneumologia

Dr. Alessandro Romeo martedì 09.00 – 10.00

Psicologia

e psicoterapia

Dr. Claudia Bricci giovedì 08.30 – 09.30

Reumatologia

Dr. Maria Letizia Conforti venerdì 09.00 – 10.00

Urologia

Dr. Pier Luigi Sangiovanni martedì 18.00 – 19.00

Iniezioni intramuscolari

da lunedì a sabato 08.00 - 10.00


 

 

Via del Sansovino, 176

Direttore sanitario dr. Adolfo Biddau

Orario: 07.30-12.30 / 15.00-19.30. Sabato 07.30-12.30

Iniezioni intramuscolari tutti i giorni 09.30-11.00

Per appuntamento telefonare 848 - 81.22.21

Per tutte le specialità occorre prenotare la visita


 

Agopuntura

Dr. Rosa Di Lernia martedì 15.30 – 17.30

Allergologia (1)

Dr. Francesca Chiarini lunedì 16.30 – 18.30

Dr. Stefano Turchini giovedì 09.00 – 11.00

Angiologia (2)

Dr. Nicolina Cavallaro lunedì 15.00 – 17.00

Dr. Benedetta Miniati mercoledì 08.40 – 13.00

Cardiologia (3)

Dr. Claudio Poli giovedì 15.00 – 17.30

Dr. Marco Vinci venerdì 15.00 – 17.00

sabato 09.00 – 11.30

Chirurgia

Dr. Riccardo Gattai giovedì 18.00 – 19.00

Chirurgia della mano

e della spalla

Dr. Giuseppe Checcucci mercoledì 15.30 – 16.30

Dr. Enrico Broglia martedì 15.00 – 16.00

sabato 08.30 – 11.30

Dermatologia (4)

Dr. Carmela Cozza lunedì 09.00 – 10.30

mercoledì09.00 – 10.00

Dr. Beatrice Magini martedì 15.00 – 18.00

sabato 09.30 – 11.30

Dr. Francesco Perrelli mercoledì 15.30 – 17.30

Dr. Elena Quercioli giovedì 15.00 – 17.30

venerdì 15.00 – 18.30

Dermatologia Pediatrica

Dr. Cesare Filippeschi lunedì 14.00 – 18.00

giovedì 09.30 – 12.00

Ecografia (8)

Dr. Marco Scrocca martedì 12.00 – 14.00

Endocrinologia -

Dietologia

Dr. Sandra Silvestri giovedì 17.30 – 19.15

Gastroenterologia

Dr. Manuela Ortolani venerdì 15.30 – 17.00

Geriatria

Dr. Vezio Polidori per appuntamento

Ginecologia (5)

Dr. Laura Falchi lunedì 09.00 – 11.30

Dr. Palma Berloco martedì 09.00 – 12.00

mercoledì 15.00 – 19.00

venerdì 15.00 – 18.00

Dr. Marta Papini martedì 17.00 – 19.00

sabato 08.30 – 11.30

Dr. Ida Cristina Pieraccini giovedì 10.30 – 12.00

venerdì 10.30 – 12.00

Neurologia

Dr. Paola Ragghianti mercoledì 08.30 – 10.00

Neurofisiologia (7)

Dr. Pierangela Liotta giovedì 15.30 – 18.00

Ortopedia

Dr. Filippo Poccianti lunedì 08.30 – 10.00

Dr. Francesco Giannangeli martedì 09.30 – 11.30

Dr. Enrico Broglia martedì 15.00 – 16.00

sabato 08.30 – 11.30

Dr. Alberto Dupré mercoledì 17.00 – 18.30

Dr. Flavio Biddau giovedì 16.00 – 17.15

Dr. Roberto Virgili venerdì 16.30 – 19.00

Oculistica (6)

Dr. M. Antonietta De Giovanni

lunedì 16.00 – 19.00

mercoledì 16.30 – 19.00

sabato 08.30 – 11.30

Dr. Saverio Matteini martedì 09.00 – 11.30

giovedì 09.00 – 11.30

Dr. Marco Ciaramelli mercoledì 10.00 – 12.00

Dr. Riccardo Paoletti Perini giovedì 17.30 – 18.40

Dr. Maria Gabriella Rossi venerdì 15.30 – 18.30

Otorinolaringoiatria

Dr. Filippo Pontone lunedì 17.00 – 18.30

martedì 10.00 – 10.50

Dr. Fausto Faleg martedì 17.30 – 18.30

Dr. Luciano Traversi mer. 08.30 – 09.30

Dr. Gennaro Ferriero mercoledì 17.00 – 18.30

venerdì 17.00 – 18.30

sabato 10.00 – 11.30

Dr. Attilio Alonzo giovedì 09.30 – 11.00

venerdì 09.30 – 11.00

Pneumologia

Laura Tinacci mercoledì 15.00 – 18.00

Psicologia

Dr. Ana Maria Dona Novoa

martedì 09.30 – 10.30

mercoledì 17.00 – 18.30

Urologia

Dr. Angelo Zucchi mercoledì 17.30 – 19.00

Dr. Alessandro Della Melina

giovedì 16.15 – 17.15

Ostetricia e ginecologia:

Eco pelvica transvaginale

Eco pelvica transaddominale

Monitoraggio ovulazione

Sonoisterografia

Ecografia per test di screening I trimestre

(I test)

Ecografia ostetrica di screening (I-II-III trim.)

Dr. Laura Giorgi martedì 15.00 – 16.00

Dr. Elisa Conti martedì 15.00 – 16.00

Dr. Palma Berloco martedì 09.00 – 12.00

mercoledì 15.00 – 19.00

venerdì 15.00 – 18.00

Dr. Marta Papini martedì 17.00 – 19.00

sabato 08.30 – 11.30


 

ECOGRAFIE IN CONVENZIONE:

Addome superiore, addome inferiore, completo, transvaginale, transrettale, capo e collo, tiroide.

Dr. Marco Scrocca martedì 08.00 -14.00

Dr. Riccardo Scarafia venerdì 14.30 - 17.30

(1) Allergologia: prove cutanee, patch test, vaccini; (2) Angiologia: ecocolordoppler: carotideo vertebrale, arterioso e venoso degli arti inferiori/superiori, aorta addominale, arterie renali (3) Cardiologia: elettrocardiogramma, ecocardiogramma, ecocolordoppler cardiaco, holter cardiaco e pressorio, ECG sotto sforzo; (4) Dermatologia: diatermocoagulazione, laser dermatologico;(5) Ginecologia: diatermocoagualazione, colposcopia, laser, eco pelvica transvaginale, eco pelvica addome inferiore, monitoraggio ovulazione, ecografia per test di screening I trim. (I test), ecografia ostetrica di screening (I-II-III trim.); (6) Oculistica: Campimetria (7) Neurofisiopatologia: elettromiografia; (8) Ecografie: addome superiore, inferiore e completo, pelvica, transvaginale, mammaria, testicolare, transrettale, osteo-articolare, tiroidea, parotidi e ghiandole salivari, tegumenti e parti superficiali, capo e collo.

Gli orari degli ambulatori, pervenuti in data 08.09.2006, sono soggetti a possibili variazioni delle quali la Redazione non è responsabile

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

OSTEO INFORM  -  STUDIO DI OSTEOPATIA

 

Riportiamo il comunicato  dello Studio  sotto indicato che ha già in corso una convenzione per i Soci del Caricentro e che ha progettato una campagna  di prevenzione monitorando alcune categorie sociali.   Per usufruire gratuitamente  di una prima consulenza-trattamento gratuito occorre seguire le istruzioni  sottoindicate:

 

Osteo Inform - Studio di Osteopatia  Pronto Soccorso per mal di schiena e colpo di frusta

 Divanbeighi (D.O.) Osteopatia     Autorizzazione No.13 del 04/01/2000    www.osteoinform.it

Via Borghini 1 Firenze - 50133 Tel: 055 572380 - 055 574809

Via P.Colletta 22/r Firenze - 50136 Tel: 055 24871 (presso Istituto Analisi di Leonardo Da Vinci) 

Per urgenza  335-8106655 .

Casi trattabili: colpo di frusta ,torcicollo, cervico-branchialgia, parestesia, formicolio lombaggine, dolori lombo-sacrali, coccigediscopatia,   ernia discale (non espulso),sciatica , cruralgia, pubalgia problemi post-parto, pavimento pelvico, disfunzioni dell'articolazione temporo-mandibolare,  mal di testa, emicrania, dolori e nevralgie facciali ,fatica cronica, stati depressivi .

I vantaggi di trattamento Osteopatico:

-Notevole riduzione del consumo di farmaci(almeno il 50%).

-Riduzione delle lesioni gastrointestinali.

-Rapida soluzione della sintomatologia dolorosa(quasi immediata).

-Riduzione delle indagini radiologiche.Riduzione del numero di interventi chirurgici per ernia discale).

-Riduzione delle perdite di gionate di lavoro che incide sul economia del paese.

 

 

 

AXA ASSICURAZIONI E INVESTIMENTI

 

Nel corso degli incontri per   la ricerca di una polizza sanitaria migliorativa ed equivalente a quella dei colleghi in servizio (Polizza Sanitaria attualmente con la Società Unipol e che andrà in scadenza alla fine del 2007) la Società AXA, fra le più accreditate a livello Europeo, ci ha proposto una POLIZZA INFORTUNI che sottoponiamo alla Vostra attenzione, ritenendole più convenienti di quelle attualmente proposte dalle Società operanti in Italia. Per eventuali chiarimenti telefonare all’Associazione nei  giorni di apertura, Vi terremo informati per l’obiettivo più importante, appena in grado, che rimane una valida polizza sanitaria per tutti !

  


  

  

INDICE

 

PREMESSA                                                                                                                            pag.   2

 

DEFINIZIONI                                                                                                                            pag.   3

 

NORME CHE REGOLANO L'ASSICURAZIONE IN GENERALE                                  pag.   4

 

NORME CHE REGOLANO L'ASSICURAZIONE INFORTUNI                                        pag.   6

L’Oggetto dell’assicurazione                                                                                                    pag.   6

Le Prestazioni                                                                                                                             pag.   8  

Le Limitazioni                                                                                                                              pag. 11

Le Estensioni                                                                                                                              pag. 12

Il Sinistro                                                                                                                                      pag. 14

 

PRIVACY                                                                                                                                    pag. 16

 

PREMESSA

 

Le disposizioni contenute nelle presenti Condizioni Generali di Assicurazione costituiscono parte integrante della polizza infortuni Mod. 3134, sottoscritta dal Contraente.

 

Si conviene pertanto quanto segue:

-     si intendono richiamate, a tutti gli effetti, le dichiarazioni del Contraente riportate sulla polizza;

-     l'assicurazione è prestata per le singole unità tecniche, per le somme indicate sulla polizza, fatti salvi i limiti di indennizzo e le franchigie eventualmente previsti sulla polizza stessa o nel presente fascicolo;

-     l'assicurazione è operante esclusivamente per le unità tecniche per le quali è stata indicata la somma assicurata e corrisposto il relativo premio;

-     le definizioni hanno valore convenzionale e quindi integrano a tutti gli effetti la normativa contrattuale.

 

Le somme assicurate, i massimali assicurati, i limiti di indennizzo e le franchigie (in cifra assoluta) sono espressi in euro.

Si ricorda che un euro corrisponde a 1936,27 Lire.

 

DEFINIZIONI

 

Alle seguenti denominazioni le Parti attribuiscono convenzionalmente il significato di seguito precisato:

 

ASSICURATO:                 il soggetto il cui interesse è protetto dall'assicurazione.

 

ASSICURAZIONE:           il contratto di assicurazione.

 

CONTRAENTE:               il soggetto che stipula l'assicurazione.

 

FRANCHIGIA:                  parte del danno indennizzabile che rimane a carico dell'Assicurato.

 

GESSATURA:                 ogni mezzo di contenzione rigido costituito da fasce gessate od altro apparecchio di contenimento comunque immobilizzante prescritto da personale medico. Sono compresi i bendaggi elastici anche se adesivi limitatamente al trattamento o riduzione di una frattura radiograficamente accertata.

 

INDENNIZZO:                  la somma dovuta dalla Società in caso di sinistro.

 

INFORTUNIO:                ogni evento dovuto a causa fortuita, violenta ed esterna, che produca lesioni fisiche obiettivamente constatabili.

              

INVALIDITÀ                    l'incapacità fisica definitiva e  irrimediabile dell'Assicurato a svolgere, in tutto o in parte, PERMANENTE:            un qualsiasi lavoro proficuo, indipendentemente dalla professione esercitata.

 

MALATTIA:                      ogni alterazione dello stato di salute non dipendente da infortunio.

 

POLIZZA:                          il documento che prova l'assicurazione.

 

PREMIO:                          la somma dovuta dal Contraente alla Società.

 

RICOVERO:                     la degenza, comportante pernottamento, in istituto di cura, pubblico o privato, regolarmente autorizzato all'erogazione dell'assistenza ospedaliera (esclusi gli stabilimenti termali).

 

SINISTRO:                        il verificarsi del fatto dannoso per il quale è prestata l'assicurazione.

 

 

SOCIETÀ:                       AXA ASSICURAZIONI S.p.A.

 

NORME CHE REGOLANO L'ASSICURAZIONE IN GENERALE

 

Art. 1 - DICHIARAZIONI RELATIVE ALLE CIRCOSTANZE DEL RISCHIO

Le dichiarazioni inesatte o le reticenze del Contraente o dell'Assicurato relative a circostanze che influiscono sulla valutazione del rischio, possono comportare la perdita totale o parziale del diritto all'indennizzo nonché‚ la stessa cessazione dell'assicurazione, ai sensi degli Artt. 1892, 1893 e 1894 C.C.

Art. 2 - ALTRE ASSICURAZIONI

Il Contraente o l'Assicurato deve comunicare per iscritto alla Società l'esistenza e la successiva stipulazione di altre assicurazioni per lo stesso rischio; in caso di sinistro, il Contraente o l'Assicurato deve darne avviso a tutti gli assicuratori, indicando a ciascuno il nome degli altri, ai sensi dell'Art. 1910 C.C.

Tuttavia il Contraente è esonerato dall'obbligo di denunciare eventuali assicurazioni infortuni stipulate da altri a favore degli stessi Assicurati abbinate a biglietti di viaggio, conti correnti, carte di credito.

Art. 3 - PAGAMENTO DEL PREMIO E DECORRENZA DELLA GARANZIA

L'assicurazione ha effetto dalle ore 24 del giorno indicato in polizza se il premio o la prima rata di premio sono stati pagati; altrimenti ha effetto dalle ore 24 del giorno del pagamento. I premi devono essere pagati all'Agenzia alla quale è assegnata la polizza oppure alla Società.

Se il Contraente non paga i premi o le rate di premio successivi, l'assicurazione resta sospesa dalle ore 24 del 15° giorno dopo quello della scadenza e riprende vigore dalle ore 24 del giorno del pagamento, ferme le successive scadenze ai sensi dell'Art. 1901 C.C.

Art. 4 - MODIFICHE DELL'ASSICURAZIONE

Le eventuali modificazioni dell'assicurazione devono essere provate per iscritto.

Art. 5 - AGGRAVAMENTO DEL RISCHIO

Il Contraente o l'Assicurato deve dare comunicazione scritta alla Società di ogni aggravamento del rischio.

Gli aggravamenti di rischio non noti o non accettati dalla Società possono comportare la perdita totale o parziale del diritto all'indennizzo, nonché la stessa cessazione dell'assicurazione, ai sensi dell'Art. 1898 C.C.

 

Art. 6 - DIMINUZIONE DEL RISCHIO

Nel caso di diminuzione del rischio la Società è tenuta a ridurre il premio o le rate di premio successive alla comunicazione del Contraente o dell'Assicurato, ai sensi dell'Art. 1897 C.C. e rinuncia al relativo diritto di recesso.

Art. 7 - RECESSO IN CASO DI SINISTRO

Dopo ogni sinistro denunciato a termini di polizza e fino al 60° giorno dal pagamento o rifiuto dell'indennizzo, le Parti, mediante lettera raccomandata, possono recedere dall'assicurazione con preavviso di 30 giorni.

In caso di recesso esercitato dalla Società, quest'ultima, entro 15 giorni dalla data di efficacia del recesso, rimborsa la parte di premio, al netto dell'imposta, relativa al periodo di rischio non corso.

Qualora il Contraente non rivesta la qualifica di “Consumatore” ai sensi della legge 6 febbraio 1996, n. 52, la facoltà di recesso in caso di sinistro potrà essere esercitata unicamente dalla Società.

Art. 8 - PROROGA DELL'ASSICURAZIONE E PERIODO DI ASSICURAZIONE

In mancanza di disdetta data da una delle Parti, mediante lettera raccomandata spedita almeno 30 giorni prima della scadenza, l'assicurazione di durata non inferiore ad un anno è prorogata per un anno e così successivamente.

Per i casi nei quali la legge o la polizza si riferiscono al periodo di assicurazione, questo si intende stabilito nella durata di un anno, salvo che l'assicurazione sia stata stipulata per una minore durata, in quest'ultimo caso esso coincide con la durata della polizza.

Art. 9 - ONERI FISCALI

Gli oneri fiscali relativi all'assicurazione sono a carico del Contraente.

Art. 10 - FORO COMPETENTE

Foro competente, a scelta della parte attrice, è quello del luogo di residenza o sede del convenuto, ovvero quello del luogo ove ha sede l'Agenzia cui è assegnata la polizza.

Resta fermo il disposto di cui all'Art. 1469 bis C.C., qualora applicabile.

Art. 11 - RINVIO ALLE NORME DI LEGGE

Per tutto quanto non è qui diversamente regolato, valgono le norme di legge.

 

NORME CHE REGOLANO L'ASSICURAZIONE INFORTUNI

 

L'OGGETTO DELL'ASSICURAZIONE

 

Art. 12 - PERSONE ASSICURATE

 La presente polizza Infortuni viene stipulata tra ………….. (in seguito denominata Contraente) e AXA Assicurazioni S.p.a (in seguito denominata Società) a favore di tutto gli iscritti della contraente e relativi familiari che compongono il nucleo familiare quali risultano dal certificato anagrafico "Stato di famiglia".

Art. 13 - GESTIONE OPERATIVA – COMUNICAZIONI – REGOLAZIONE DEL PREMIO       

Premesso che la Contraente provvede alla nomina di nuovi iscritti con delibera del Consiglio Direttivo,  tali persone (e relativo nucleo familiare come suddescritto), nominate in corso d'anno, si intenderanno assicurate  con la presente polizza dalle ore 24 del giorno della delibera del Consiglio Direttivo.

Al perfezionamento della presente polizza forma parte integrante del contratto elenco nominativo degli iscritti che si intendono assicurati, fermo quanto previsto all’art. 3 – “Pagamento del premio e decorrenza dell’assicurazione”.

 

Di comune accordo tra le Parti si precisa che la Contraente dovrà comunicare mensilmente per iscritto alla Società o all’Agenzia alla quale è assegnata la polizza i nominativi dei nuovi iscritti con indicazione della data della delibera di nomina del Consiglio Direttivo.

 

1)   Poichè il premio di polizza è determinato, in tutto o in parte, in base ad elementi di rischio variabili o non conosciuti al momento della stipulazione, esso viene corrisposto dalla Contraente per ciascun periodo assicurativo:

a)   in una parte fissa, in via provvisoria, al momento della stipula della polizza ed alla scadenza di ciascun periodo assicurativo, il cui premio relativo si considera quale premio minimo comunque dovuto alla Società;

b)   a saldo, mediante la regolazione del premio alla scadenza di ciascun periodo assicurativo, sulla base della variazione intervenuta nello stesso periodo degli elementi variabili di rischio o della conoscenza di quelli ignoti, utilizzati, in sede di stipulazione, per la determinazione del premio stesso.

2)   Qualora la regolazione a saldo dovesse comportare la determinazione del premio in misura inferiore a quello corrisposto in via provvisoria, quest’ultimo si intende comunque acquisito a titolo di premio minimo di polizza, escluso pertanto ogni conguaglio negativo.

3)   Per la determinazione ed il versamento della quota di premio a saldo, l’avente titolo si obbliga:

a)      a comunicare alla Società, in forma scritta entro 90 giorni dalla fine di ogni periodo assicurativo, i dati necessari per la     determinazione del premio definitivo. Decorso tale termine, in assenza di comunicazione, la garanzia si intende sospesa sino alle ore 24 del giorno di avvenuta comunicazione;

b)      al versamento della somma dovuta a saldo, nei 30 giorni successivi alla comunicazione della Società del premio dovuto. Decorso tale termine, in assenza di pagamento di quanto dovuto, la garanzia si intende sospesa sino alle ore 24 del giorno di avvenuto pagamento del premio a saldo.

4)   Nel caso di mancato adempimento da parte del Contraente dei propri obblighi di comunicazione o di pagamento il premio anticipato in via provvisoria per le rate successive viene considerato in conto o a garanzia di quello relativo al periodo assicurativo per il quale non ha avuto luogo la regolazione.

La Società si riserva il diritto di agire giudizialmente o di dichiarare, con lettera raccomandata, la risoluzione del contratto con effetto retroattivo tra le Parti.

5)   Ove il contratto sia cessato, per qualsiasi motivo, e non sia intervenuto il versamento dovuto al saldo del premio, la Società non è tenuta ad indennizzare i sinistri verificatisi durante il periodo assicurativo cui si riferisce il premio non saldato.

6)   Nell’ipotesi in cui il premio definitivamente corrisposto risulti superiore al doppio della sola sua parte fissa e provvisoria, la parte fissa e provvisoria relativa al primo periodo assicurativo successivo sarà automaticamente rideterminata in misura pari al 75% del premio definitivo precedente.

7) La Società ha diritto ad effettuare verifiche e controlli relativamente ai dati forniti dal Contraente ed utili ai fini della   

determinazione del premio.

 

Il Contraente si obbliga a fornire, a semplice richiesta scritta, i chiarimenti, le informazioni e la documentazione necessaria.

Art. 14.1 – GARANZIE / PREMIO

 

OPZIONI

GARANZIE

SOMME ASSICURATE PER NUCLEO €

PREMIO LORDO PER NUCLEO €

A

Morte

100.000,00

100,00

IP

100.000,00

B

Morte

200.000,00

200,00

IP

200.000,00

C

Morte

300.000,00

320,00

IP

300.000,00

 

Le somme ed i massimali assicurati per ciascuna persona sono quelli che si ottengono dividendo le somme ed i massimali indicati in polizza per il numero delle persone assicurate al momento del sinistro.

Per le persone di età, al momento del sinistro, inferiore a 15 anni, le somme individualmente assicurate, calcolate nel modo sopra indicato, vengono modificate come segue:

-     per il caso morte, la somma è ridotta del 60%

-     per il caso invalidità permanente, la somma è aumentata del 100%.

Per le persone di età, al momento del sinistro, superiore a 80 anni, le somme individualmente assicurate, calcolate nel modo sopra indicato, vengono modificate come segue:

-     per il caso morte, la somma è ridotta del 60%

-     per il caso invalidità permanente, la somma è ridotta del 60%.

Art. 14.2 - OGGETTO DELL'ASSICURAZIONE

L'assicurazione vale per gli infortuni che l'Assicurato subisca:

a)   nello svolgimento di ogni attività che non abbia carattere di professionalità, ivi comprese le attività di “pensionato”, "casalinga" e "studente";

b)   nello svolgimento delle comuni evenienze e manifestazioni della vita privata, sociale e ricreativa, del tempo libero e delle vacanze;

c)   nello svolgimento di attività attinenti alla conduzione della casa, compresi i lavori di ordinaria manutenzione e riparazione, di giardinaggio, di orticultura;

d)   durante la pratica di giochi ed attività sportive;

e)   durante l'uso di veicoli e imbarcazioni non a motore;

f)    durante la circolazione in qualità di:

-     pedone su strade pubbliche e private;

-     passeggero su tutti i mezzi pubblici e privati di locomozione terreste, marittima, fluviale e lacustre;

-     passeggero di velivoli ed elicotteri nei termini previsti dall'Art. 24 - “Rischio volo”;

-     conducente di qualsiasi veicolo o natante a motore, purché la guida non costituisca attività necessaria e prevalente per lo svolgimento della propria professione e purché munito della prescritta abilitazione.

L'assicurazione vale per gli infortuni subiti dall'Assicurato, anche se derivanti da:

1)   imperizia, imprudenza o negligenza anche gravi;

2)   aggressioni, atti di terrorismo o tumulti popolari, a condizione che l'Assicurato non vi abbia preso parte attiva;

3)   atti di temerarietà, soltanto se compiuti per dovere di solidarietà umana o per legittima difesa.

Inoltre l'assicurazione comprende:

4)   gli infortuni sofferti in stato di malore o incoscienza;

5)   l'asfissia non dipendente da malattia;

6)   l'avvelenamento acuto e le lesioni derivanti da ingestione o assorbimento di sostanze;

7)   l'annegamento, l'assideramento, il congelamento, la folgorazione, i colpi di sole o di calore o di freddo;

8)   le affezioni conseguenti a morsi o punture di animali (con esclusione della malaria);

9)   le lesioni determinate da sforzi, salvo quanto previsto alle lettere n) ed o) dell'Art. 19 - “Esclusioni”.

 

 

LE PRESTAZIONI

 

Art. 15 - MORTE

L'indennizzo per il caso di morte è dovuto se la morte stessa si verifica - anche successivamente alla scadenza della polizza - entro 2 anni dal giorno dell'infortunio. Tale indennizzo viene liquidato ai beneficiari designati o, in difetto di designazione, agli eredi dell'Assicurato.

Qualora, a seguito di infortunio indennizzabile a termini di polizza, il corpo dell'Assicurato non venga ritrovato e si presuma sia avvenuto il decesso, la Società liquiderà ai beneficiari o eredi di cui sopra la somma prevista per il caso di morte. La liquidazione avverrà non prima che siano trascorsi 6 mesi dalla presentazione dell'istanza per la dichiarazione di morte presunta a termini degli Artt. 60 e 62 C.C. Qualora, dopo il pagamento dell'indennizzo, l'Assicurato risultasse in vita, la Società avrà diritto alla restituzione della somma pagata. A restituzione avvenuta, l'Assicurato potrà far valere i propri diritti per l'invalidità permanente eventualmente subita.

Art. 16 - INVALIDITÀ PERMANENTE

L'indennizzo per il caso di invalidità permanente è dovuto se l'invalidità stessa si verifica - anche successivamente alla scadenza della polizza - entro 2 anni dal giorno dell'infortunio.

A)   Se l'infortunio ha come conseguenza l'invalidità permanente definitiva totale, la Società corrisponde la somma assicurata.

B)   Se l'infortunio ha come conseguenza una invalidità permanente definitiva parziale, l'indennizzo viene calcolato sulla somma assicurata in proporzione al grado di invalidità permanente che va accertato facendo riferimento ai valori delle seguenti menomazioni:

Perdita anatomica o funzionale di:

-          un arto superiore.................................................................................................70%

-          una mano o un avambraccio..............................................................................60%

-          un pollice.............................................................................................................. 18%

-          un indice............................................................................................................... 14%

-          un medio................................................................................................................ 8%

-          un anulare.............................................................................................................. 8%

-          un mignolo............................................................................................................ 12%

-          falange ungueale del pollice................................................................................. 9%

-          una falange di altro dito della mano................................................. 1/3 del valore del dito

Anchilosi:

-          della scapola omerale con arto in posizione favorevole,

con immobilità della scapola.................................................................................................. 25%

-          del gomito in angolazione compresa fra 120° e 70° con pronosupinazione libera.......... 20%

-          del polso in estensione rettilinea con pronosupinazione libera............................................10%

Paralisi completa:

-          del nervo radiale....................................................................................................................... 35%

-          del nervo ulnare......................................................................................................................... 20%

Perdita anatomica o funzionale di un arto inferiore:

-          al di sopra della metà della coscia......................................................................................... 70%

-          al di sotto della metà della coscia, ma al di sopra del ginocchio........................................ 60%

-          al di sotto del ginocchio, ma al di sopra del terzo medio di gamba.................................... 50%

-          un piede...................................................................................................................................... 40%

-          ambedue i piedi....................................................................................................................... 100%

-          un alluce......................................................................................................................................... 5%

-          un altro dito del piede................................................................................................................... 1%

-          la falange ungueale dell'alluce................................................................................................... 2,5%

 

Anchilosi:

-          dell'anca in posizione favorevole............................................................................................... 35%

-          del ginocchio in estensione........................................................................................................ 25%

-          della tibio-tarsica ad angolo retto.............................................................................................. 10%

-          della tibio-tarsica con anchilosi della sotto astragalica........................................................... 15%

 

Paralisi completa del nervo sciatico popliteo esterno................................................................... 15%

 

Esiti di frattura scomposta di una costa............................................................................................. 1%

 

Esiti di frattura amielica somatica con deformazione a cuneo di:

-          una vertebra cervicale.................................................................................................................. 12%

-          una vertebra dorsale....................................................................................................................... 5%

-          12a dorsale..................................................................................................................................... 10%

-          una vertebra lombare..................................................................................................................... 10%

 

Postumi di trauma distorsivo cervicale con contrattura muscolare

e limitazione dei movimenti del capo e del collo................................................................................. 2%

 

Esiti di frattura del sacro........................................................................................................................ 3%

Esiti di frattura del coccige con callo deforme..................................................................................... 5%

 

Perdita totale, anatomica o funzionale di:

-          un occhio.......................................................................................................................................... 25%

-          ambedue gli occhi......................................................................................................................... 100%

 

Sordità completa di:

-          un orecchio....................................................................................................................................... 10%

-          ambedue gli orecchi........................................................................................................................ 40%

 

Perdita della voce................................................................................................................................... 30%

 

Stenosi nasale assoluta:

-          monolaterale........................................................................................................................................ 4%

-          bilaterale............................................................................................................................................ 10%

 

Perdita anatomica di:

-          un rene............................................................................................................................................... 20%

-          della milza senza compromissioni significative della crasi ematica.......................................... 10%

 

Tutti i valori suindicati sono da ritenersi quali valori massimi.

 

C)   Se l'infortunio ha come conseguenza una invalidità permanente definitiva parziale, non determinabile sulla base dei valori previsti alla lettera B), si farà riferimento ai criteri qui di seguito indicati:

-     nel caso di minorazioni, anziché di perdite di un arto o di un organo e nel caso di menomazioni diverse da quelle elencate alla lettera B), le stesse sono calcolate con il limite delle percentuali sopra indicate in proporzione alla funzionalità perduta;

-     nel caso di menomazioni di uno o più dei distretti anatomici e/o articolari di un singolo arto, si procederà alla valutazione con somma matematica fino a raggiungere al massimo il valore corrispondente alla perdita totale dell'arto stesso;

-     nel caso in cui l'invalidità permanente non sia determinabile sulla base dei valori elencati alla lettera B) e ai criteri sopra riportati, la stessa viene determinata in riferimento ai valori e ai criteri sopra indicati tenendo conto della complessiva diminuzione della capacità dell'Assicurato allo svolgimento di un qualsiasi lavoro, indipendentemente dalla sua professione.

La perdita anatomica o funzionale di più organi, arti o loro parti, comporta l'applicazione della percentuale di invalidità calcolata sulla base dei valori indicati alla lettera B) e dei criteri sopra richiamati, pari alla somma delle singole percentuali calcolate per ciascuna lesione, fino a raggiungere al massimo il valore del 100%.

Il diritto all'indennizzo per invalidità permanente è di carattere personale e quindi non è trasmissibile agli eredi. Tuttavia, se l'Assicurato muore per causa indipendente dall'infortunio dopo che l'indennizzo sia stato liquidato o comunque offerto in misura determinata, la Società paga agli eredi l'importo liquidato od offerto secondo le norme della successione testamentaria o legittima.

Art. 17 - FRANCHIGIA PER INVALIDITÀ PERMANENTE

A parziale deroga dell'Art. 16 - “Invalidità Permanente”, l'indennizzo verrà calcolato secondo le seguenti modalità:

-          sulla parte fino a 125.000,00 euro di somma assicurata per persona l'indennizzo è dovuto applicando le percentuali previste nella seguente tabella:

 

Grado di invalidità permanente accertato

Percentuale da liquidare sulla somma assicurata per invalidità permanente

1

0,3

2

1

3

1,5

4

2

5

2,5

6

4

Pari o superiore al 7%

Pari al grado accertato

 

-          sulla parte eccedente 125.000,00 euro e fino a 250.000,00  di somma assicurata per persona l'indennizzo è dovuto con applicazione di una franchigia di 5 punti percentuali sul grado di invalidità permanente accertato.

-          sulla parte eccedente 250.000,00 euro di somma assicurata per persona l'indennizzo è dovuto con applicazione di una franchigia di 10 punti percentuali sul grado di invalidità permanente accertato.

Le suindicate franchigie non trovano applicazione nel caso di invalidità permanente accertata di grado pari o superiore al 30%.

Art. 18 - RICONOSCIMENTO DELL'INTERA SOMMA ASSICURATA IN CASO DI INVALIDITÀ PERMANENTE GRAVE

Qualora l'invalidità permanente accertata in base all'Art. 16, sia di grado pari o superiore al 60% della totale, l'indennità verrà corrisposta nella misura del 100% della somma assicurata.

 

LE LIMITAZIONI

Art. 19 - ESCLUSIONI

Sono esclusi dall'assicurazione gli infortuni causati:

a)   dallo svolgimento di ogni attività avente carattere professionale, salvo quanto previsto dall'Art. 14 - “Oggetto dell'assicurazione”;

b)   dalla guida o uso anche come passeggero di mezzi di locomozione aerei, compresi deltaplani e ultraleggeri, salvo quanto previsto dall'Art. 24 - “Rischio volo”;

c)   dalla guida di qualsiasi veicolo o natante a motore, se l'Assicurato è privo dell'abilitazione prescritta dalle disposizioni vigenti, salvo il caso di guida con patente scaduta, ma a condizione che l'Assicurato abbia, al momento del sinistro, i requisiti per il rinnovo;

d)   dalla pratica di: pugilato, atletica pesante, lotta nelle sue varie forme, alpinismo con scalata di difficoltà superiore al 3° grado della scala di Monaco, free climbing, skeleton, velocità pura su sci, sci estremo, football americano, rugby, hockey, discese su rapide con qualsiasi mezzo, regate o traversate in alto mare effettuate solitariamente, bungee jumping, salti dal trampolino con sci od idrosci nonché sci acrobatico, immersioni con autorespiratore, speleologia, sports aerei in genere quali a puro titolo esemplificativo deltaplani, velivoli ultraleggeri, paracadutismo, parapendio;

e)   dalla pratica di qualsiasi sport esercitato professionalmente;

f)    dalla partecipazione a competizioni e relative prove ippiche, calcistiche, ciclistiche, di pallavolo, pallacanestro, pallamano, svolte sotto l'egida delle competenti Federazioni;

g)   dall'uso, anche come passeggero, di veicoli o natanti a motore in competizioni non di regolarità pura e nelle relative prove;

h)   da ubriachezza dell'Assicurato, da abuso di psicofarmaci, dall'uso di stupefacenti o allucinogeni;

i)    da operazioni chirurgiche, accertamenti o cure mediche non resi necessari da infortunio;

j)    da atti dolosi compiuti o tentati dall'Assicurato;

k)   da movimenti tellurici, inondazioni o eruzioni vulcaniche, salvo quanto previsto dall'Art. 25 - ”Eventi naturali catastrofici”;

l)    da guerra o insurrezioni, salvo quanto previsto dall'Art. 26 - “Rischio di guerra”;

m)  da trasformazioni o assestamenti energetici dell'atomo, naturali o provocati, e da accelerazioni di particelle atomiche (fissione e fusione nucleare, isotopi radioattivi, macchine acceleratrici, raggi X, ecc.).

 

Sono inoltre esclusi:

n)   gli infarti e le ernie;

o)   le rotture dei tendini, a meno che sia rispettata, nel loro avverarsi, la definizione di infortunio (causa fortuita, violenta ed esterna) e fatto salvo quanto previsto all’art. 29 – “Rotture sottocutanee di tendini”;

p)   le conseguenze dell'infortunio che si concretizzino nella sindrome da immunodeficienza acquisita (A.I.D.S).

Art. 20 - LIMITI DI ETÀ

L’assicurazione vale per le persone di qualsiasi età.

Tuttavia le Parti, ad ogni scadenza annua successiva al compimento del 80° anno di età dell’Assicurato, possono recedere dall’assicurazione relativa a tale persona con preavviso di almeno 60 giorni.

Art. 21 - PERSONE NON ASSICURABILI

Non sono assicurabili, indipendentemente dalla concreta valutazione dello stato di salute, le persone affette da alcolismo, tossicodipendenza, sindrome da immunodeficienza acquisita (A.I.D.S.), i soggetti sieropositivi, nonché le persone affette da epilessia o dalle seguenti infermità mentali: sindromi organiche cerebrali, schizofrenia, forme maniaco-depressive o stati paranoici.

L'assicurazione cessa con il loro manifestarsi.

Art. 22 - LIMITE CATASTROFALE

Fermi i limiti previsti all'Art. 24 - “Rischio volo”, nel caso di sinistro che colpisca, in conseguenza di un unico evento, più persone assicurate con polizze stipulate dallo stesso Contraente, l'esborso massimo complessivo a carico della Società non potrà essere superiore a 5.000.000,00 euro.

Se gli indennizzi complessivamente dovuti eccedessero tale importo, la Società procederà alla loro riduzione proporzionale.

 

LE ESTENSIONI

Art. 23 - VALIDITÀ TERRITORIALE

L'assicurazione vale per il mondo intero.

Art. 24 - RISCHIO VOLO

La garanzia è estesa agli infortuni che l'Assicurato subisca, in qualità di passeggero, durante i viaggi aerei di trasporto pubblico o privato passeggeri, su velivoli od elicotteri da chiunque eserciti, esclusi i viaggi effettuati:

-           su aeromobili di Società/Aziende di lavoro aereo per voli diversi dal trasporto pubblico passeggeri;

-           su aeromobili in esercenza ad aeroclubs;

-           su apparecchi per il volo da diporto o sportivo.

La copertura inizia dal momento in cui l'Assicurato sale a bordo dell'aeromobile e cessa al momento in cui ne discende.

Nel caso di evento che colpisca più Assicurati con la Società l'esborso massimo di quest'ultima non potrà comunque superare i seguenti importi:

-           per persona:

-           1.000.000,00 euro per il caso Morte;

-           1.000.000,00 euro per il caso Invalidità Permanente totale;

-           250,00 euro al giorno per il caso di Inabilità Temporanea totale;

-           complessivamente per aeromobile:

-           5.000.000,00 euro per il caso Morte;

-           5.000.000,00 euro per il caso Invalidità Permanente totale;

-           5.000,00 euro al giorno per il caso Inabilità Temporanea totale.

Nell'eventualità che le somme complessivamente assicurate eccedano gli importi sopra indicati, gli indennizzi spettanti in caso di sinistro saranno adeguati con riduzione ed imputazione proporzionale sulle singole assicurazioni.

Art. 25 - EVENTI NATURALI CATASTROFICI

La garanzia vale anche per gli infortuni derivanti da movimenti tellurici, inondazioni o eruzioni vulcaniche sempre che l'Assicurato sia rimasto vittima degli eventi al di fuori del comune ove è fissata la sua residenza.

Art. 26 - RISCHIO DI GUERRA

La garanzia vale anche per gli infortuni derivanti da stato di guerra (dichiarata o non dichiarata) o di insurrezione popolare, per il periodo massimo di 14 giorni dall'inizio delle ostilità o dell'insurrezione, se ed in quanto l'Assicurato risulti sorpreso dallo scoppio degli eventi di cui sopra mentre si trova all'estero in un Paese sino ad allora in pace.

Sono comunque esclusi dalla garanzia gli infortuni derivanti dalle predette cause (guerra ed insurrezione popolare) che colpissero l'Assicurato nel territorio della Repubblica Italiana, della Città del Vaticano e della Repubblica di San Marino.

Art. 27 - SERVIZIO MILITARE DI LEVA

L'assicurazione è operante durante il servizio militare di leva in tempo di pace o durante il servizio sostitutivo dello stesso; tuttavia durante il servizio militare di leva l'assicurazione è prestata limitatamente agli infortuni non derivanti dallo svolgimento delle attività tipiche di detto servizio.

Art. 28 - MAGGIORAZIONE DELL'INDENNIZZO IN CASO DI COMMORIENZA DEI GENITORI

In caso di infortunio indennizzabile a termini di polizza, determinato dal medesimo evento, che provochi la morte dell'Assicurato e del suo coniuge non legalmente separato, la Società corrisponde un indennizzo supplementare pari al 50% della somma assicurata per il caso morte.

L'indennizzo supplementare verrà corrisposto unicamente ai figli minorenni o portatori di invalidità permanente di grado pari o superiore al 66% della totale, in parti uguali.

Il massimo esborso a carico della Società per detto indennizzo supplementare non potrà superare, globalmente, l'importo di 150.000,00 euro anche in caso di più polizze infortuni stipulate con la Società.

Tale indennizzo supplementare non vale per il "rischio volo" di cui all'Art. 24.

Art. 29 – ROTTURE SOTTOCUTANEE DI TENDINI

L'assicurazione è inoltre estesa, limitatamente al caso di invalidità permanente, alle rotture sottocutanee di tendini, con l'intesa che l'indennizzo non potrà essere superiore al 2% della somma assicurata per invalidità permanente, comunque con il massimo di 5.000,00 euro, ferme le franchigie previste in polizza.

Art. 30 - DIRITTO DI SURROGAZIONE

La Società rinuncia al diritto di surrogazione di cui all'Art. 1916 C.C. verso i terzi responsabili dell'infortunio.

 

IL SINISTRO

Art. 31 - OBBLIGHI IN CASO DI SINISTRO

In caso di sinistro, il Contraente, l'Assicurato o i suoi aventi diritto devono darne avviso scritto all'Agenzia alla quale è assegnata la polizza oppure alla Società entro tre giorni da quando ne hanno avuto la possibilità, ai sensi dell'Art. 1913 C.C.

L'inadempimento di tale obbligo può comportare la perdita totale o parziale del diritto all'indennizzo, ai sensi dell'Art. 1915 C.C.

La denuncia dell'infortunio deve contenere l'indicazione del luogo, giorno, ora e causa dell'evento e deve essere corredata da certificato medico.

Il decorso delle lesioni deve essere documentato da ulteriori certificati medici. L'Assicurato, o in caso di morte il beneficiario, deve consentire alla Società le indagini e gli accertamenti necessari.

L'Assicurato deve sottoporsi agli accertamenti e controlli medici disposti dalla Società, fornire alla stessa ogni informazione e produrre copia della cartella clinica completa, a tal fine sciogliendo dal segreto professionale i medici che lo hanno visitato e curato, acconsentendo al trattamento dei dati personali a norma del D.Lgs. n. 196/03 – Codice in materia di protezione dei dati personali.

Art. 32 - CRITERI DI INDENNIZZABILITÀ

La Società corrisponde l'indennizzo per le conseguenze dirette ed esclusive dell'infortunio.  Se, al momento dell'infortunio, l'Assicurato non è fisicamente integro e sano, sono indennizzabili soltanto le conseguenze che si sarebbero comunque verificate qualora l'infortunio avesse colpito una persona fisicamente integra e sana.

In caso di perdita anatomica o riduzione funzionale di un organo o di un arto già minorato, le percentuali di cui all'Art. 16 - “Invalidità permanente” sono diminuite tenendo conto del grado di invalidità preesistente.

Art. 33 - ASSICURAZIONE PER CONTO ALTRUI - TITOLARITÀ DEI DIRITTI NASCENTI DALLA POLIZZA

Gli obblighi derivanti dalla polizza devono essere adempiuti dal Contraente, salvo quelli che per loro natura non possono essere adempiuti che dall'Assicurato, così come disposto dall'Art. 1891 C.C.

Art. 34 - CONTROVERSIE - ARBITRATO IRRITUALE

Le controversie di natura medica sull'indennizzabilità del sinistro, sul grado di invalidità permanente, sui miglioramenti ottenibili con adeguati trattamenti terapeutici, nonché sull'applicazione dei criteri di indennizzabilità, a norma e nei limiti delle condizioni di polizza, possono essere demandate per iscritto di comune accordo fra le Parti ad un Collegio di tre medici, nominati uno per Parte ed il terzo di comune accordo o, in caso contrario, dal Consiglio dell'Ordine dei Medici avente giurisdizione nel luogo ove deve riunirsi il Collegio dei Medici.

Il Collegio Medico risiede nella località scelta consensualmente dalle Parti; in caso di disaccordo il Collegio Medico risiede nel comune, sede dell’Istituto di medicina legale, più vicino al luogo di residenza dell'Assicurato.

Ciascuna delle Parti sostiene le proprie spese e remunera il medico da essa designato, contribuendo per la metà delle spese e competenze per il terzo medico.

È data facoltà al Collegio Medico di rinviare, ove ne riscontri l'opportunità, l'accertamento definitivo dell'invalidità permanente ad epoca da definirsi dal Collegio stesso, nel qual caso il Collegio può intanto concedere una provvisionale sull'indennizzo.

Le decisioni del Collegio Medico sono prese a maggioranza di voti, con dispensa da ogni formalità di legge, e sono vincolanti per le Parti, le quali rinunciano fin d'ora a qualsiasi impugnativa salvo i casi di violenza, dolo, errore e violazione di patti contrattuali.

I risultati delle operazioni arbitrali devono essere raccolti in apposito verbale, da redigersi in doppio esemplare, uno per ognuna delle Parti.

Le decisioni del Collegio Medico sono vincolanti per le Parti anche se uno dei medici rifiuti di firmare il relativo verbale, nel qual caso il rifiuto deve essere attestato dagli altri medici nel verbale stesso.

Art. 35 - PAGAMENTO DELL'INDENNIZZO

Verificata l'operatività della garanzia, ricevuta la documentazione relativa al sinistro e compiuti gli accertamenti del caso, la Società liquida gli indennizzi che risultino dovuti, ne dà comunicazione agli interessati e, avuta notizia della loro accettazione, provvede al pagamento entro 15 giorni.

Il pagamento dell'indennizzo viene effettuato in Italia e in valuta corrente.

Art. 36 - CUMULO DI INDENNITÀ

Le indennità per tutte le garanzie sono cumulabili fra di loro tranne quella per il caso morte che non è cumulabile con quella per l'invalidità permanente; tuttavia, se dopo il pagamento di un indennizzo per invalidità permanente, ma entro 2 anni dal giorno dell'infortunio ed in conseguenza di questo, l'Assicurato muore, gli eredi dell'Assicurato non sono tenuti ad alcun rimborso, mentre i beneficiari hanno diritto soltanto alla differenza tra l'indennizzo per morte - se superiore - e quello già pagato per invalidità permanente.

 

 

 

IL CONTRAENTE                                                                                                         AXA ASSICURAZIONI SPA

 

_________________                                                                                               _________________________

 

Informativa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. n. 196/03 - Codice in materia di protezione dei dati personali

 

A) Trattamento dei suoi dati personali per finalità assicurative[1]

Al fine di fornirle i servizi e/o i prodotti assicurativi e/o le prestazioni richiesti o previsti in suo favore, in qualità di  assicurato/contraente  erede/beneficiario  terzo interessato a pratiche di risarcimento

la nostra Società (di seguito anche “AXA”) ha la necessità di disporre di dati personali che la riguardano (dati ancora da acquisire, alcuni dei quali ci debbono essere forniti da lei o da terzi per obbligo di legge[2], e/o dati già acquisiti, forniti da lei o da altri soggetti[3])  e deve trattarli nel quadro delle finalità assicurative.

Pertanto le chiediamo di esprimere il consenso per il trattamento dei suoi dati strettamente necessari per la fornitura dei suddetti servizi e/o prodotti assicurativi e/o prestazioni da parte della nostra Società e di terzi a cui tali dati saranno comunicati[4].

Il consenso che le chiediamo riguarda anche il trattamento degli eventuali dati sensibili strettamente inerenti alla fornitura dei servizi, e/o prodotti assicurativi e/o delle prestazioni citate[5] il cui trattamento è ammesso dalle autorizzazioni di carattere generale rilasciate dal Garante per la protezione dei dati personali. Inoltre, esclusivamente per le finalità sopra indicate e sempre limitatamente a quanto di stretta competenza in relazione allo specifico rapporto intercorrente tra lei e la nostra Società, secondo i casi, i suoi dati possono o debbono essere comunicati ad altri soggetti del settore assicurativo o di natura pubblica che operano - in Italia o all'estero - come autonomi titolari, soggetti tutti così costituenti la c.d. "catena assicurativa"[6], in parte anche in funzione meramente organizzativa.

Il consenso che le chiediamo riguarda, pertanto, anche gli specifici trattamenti e le comunicazioni all'interno della "catena assicurativa" effettuati dai predetti soggetti.

Precisiamo che senza i suoi dati non saremo in grado di fornirle, le prestazioni, i servizi e/o i prodotti assicurativi citati. Quindi, in relazione a questa specifica finalità, il suo consenso è presupposto necessario per lo svolgimento del rapporto assicurativo.

B) Trattamento dei dati personali comuni per attività di informazione e promozione commerciale

Inoltre, per migliorare i nostri servizi ed i nostri prodotti e per informarla sulle novità e le opportunità che potrebbero essere di suo interesse, vorremmo avere l’opportunità di stabilire con lei un contatto. Nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati le chiediamo di consentirci l’utilizzo dei suoi dati personali non sensibili.

Finalità di utilizzo dei dati personali

Se lei acconsentirà, saremo in grado di:

-     compiere analisi sulla qualità dei servizi ed iniziative dedicate alla raccolta di informazioni, con lo scopo di comprendere quali sono i suoi bisogni e esigenze, le sue opinioni sui nostri prodotti e servizi; in questo modo potremo migliorare la nostra offerta

-     realizzare ricerche di mercato;

-     effettuare indagini statistiche;

-     proporle prodotti e servizi che possano essere di suo interesse.

Potremo altresì comunicarle novità e opportunità relative a prodotti e/o servizi di:

-          Società che appartengono al Gruppo AXA

-          società esterne con le quali AXA ha stabilito accordi di partnership e di collaborazione.

I Suoi dati personali non sensibili saranno utilizzati solo con modalità e procedure strettamente necessarie per effettuare le attività suddette e non verranno diffusi.

Chi sono i soggetti coinvolti

Le attività di comunicazione e marketing sopra descritte potranno essere realizzate da AXA, da società appartenenti allo stesso Gruppo e dai suoi agenti e collaboratori anche avvalendosi di società esterne specializzate, nonché di società di servizi informatici, telematici, di archiviazione e postali cui vengono affidati compiti di natura tecnica od organizzativa. Tali soggetti terzi agiranno attenendosi alle istruzioni e alle procedure di sicurezza che AXA avrà definito per tutelare pienamente la sua riservatezza.

Questi soggetti svolgono la funzione di “responsabile” o di “incaricato” del trattamento dei suoi dati oppure, ove la legge lo consenta, operano come distinti “titolari” del trattamento. Il consenso che le chiediamo riguarda pertanto anche l’attività di tali soggetti.

C) Modalità d’uso dei suoi dati personali e suoi diritti

Le precisiamo inoltre che i nostri dipendenti e/o collaboratori di volta in volta interessati nell’ambito delle rispettive mansioni possono venire a conoscenza dei suoi dati quali “responsabili” o “incaricati” del trattamento. L'elenco completo dei responsabili del trattamento è disponibile sul sito Internet www.axa-italia.it.

 

Modalità di uso dei suoi dati personali

I suoi dati personali sono trattati[7] da AXA - titolare del trattamento - solo con modalità e procedure, anche informatiche e telematiche, strettamente necessarie per fornirle le prestazioni, i servizi e/o prodotti assicurativi richiesti o previsti in suo favore, ovvero, qualora vi abbia acconsentito, per ricerche di mercato, indagini statistiche e attività promozionali; sono utilizzate le medesime modalità e procedure anche quando i dati vengono comunicati per ì suddetti fini ai soggetti già indicati nella presente informativa, i quali a loro volta sono impegnati a trattarli usando solo modalità e procedure strettamente necessarie per le specifiche finalità indicate nella presente informativa.

Nella nostra Società, i dati sono trattati da dipendenti e collaboratori nell'ambito delle rispettive funzioni e in conformità alle istruzioni ricevute, per il conseguimento delle specifiche finalità indicate nella presente informativa; lo stesso avviene presso i soggetti già indicati nella presente informativa a cui i dati vengono comunicati.

Per talune attività utilizziamo soggetti di nostra fiducia - operanti talvolta anche all'estero  - che svolgono per nostro conto compiti di natura tecnica,  organizzativa o gestione[8]; lo stesso fanno anche i soggetti già indicati nella presente informativa a cui i dati vengono comunicati.

 

I suoi diritti

Lei ha il diritto di conoscere quali sono i suoi dati presso i singoli titolari di trattamento, cioè presso la nostra Società o presso i soggetti sopra indicati a cui li comunichiamo, e come vengono utilizzati; ha inoltre il diritto di farli aggiornare, integrare, rettificare o cancellare di chiederne il blocco e di opporsi al loro trattamento[9].

Per l'esercizio dei Suoi diritti Lei può rivolgersi a

AXA Assicurazioni S.p.A. - Via Leopardi 15 - Milano (MI) - Fax: 02-43448105 -

 e-mail: centrocompetenzaprivacy@axa-assicurazioni.it

 ____________________________________________________________

[1] Il trattamento può comportare le operazioni previste dall'art. 4, comma 1, lett, a), del Codice: raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, cancellazione, distruzione di dati; è invece esclusa l'operazione di diffusione di dati.

 

[1] Questi soggetti sono società o persone fisiche nostre dirette collaboratrici e svolgono le funzioni di responsabili del nostro trattamento dei dati. Nel caso invece che operino in autonomia come distinti "titolari" di trattamento rientrano, come detto, nella c.d. “catena assicurativa” con funzione organizzativa.

____________________________________________________________

[1] Il trattamento può comportare le operazioni previste dall'art. 4, comma 1, lett, a), del Codice: raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, cancellazione, distruzione di dati; è invece esclusa l'operazione di diffusione di dati.

 ____________________________________________________________

[1] Tali diritti sono previsti e disciplinati dagli artt. 7-10 del Codice. La cancellazione ed il blocco riguardano i dati trattati in violazione di legge. L’art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti) prevede che:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:

a)        dell'origine dei dati personali;

b)        delle finalità e modalità del trattamento;

c)        della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;

d)        degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;

e)        dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L'interessato ha diritto di ottenere:

a)        l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;

 

[1] Questi soggetti sono società o persone fisiche nostre dirette collaboratrici e svolgono le funzioni di responsabili del nostro trattamento dei dati. Nel caso invece che operino in autonomia come distinti "titolari" di trattamento rientrano, come detto, nella c.d. “catena assicurativa” con funzione organizzativa.

 

[1] Tali diritti sono previsti e disciplinati dagli artt. 7-10 del Codice. La cancellazione ed il blocco riguardano i dati trattati in violazione di legge. L’art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti) prevede che:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:

a)       dell'origine dei dati personali;

b)       delle finalità e modalità del trattamento;

c)        della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;

d)       degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;

e)       dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L'interessato ha diritto di ottenere:

a)       l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;

b)       la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;

c)        l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte

a)       per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;

 

al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale

pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di

comunicazione commerciale

 

 

[