Aggiornamento sulle vendite immobiliari del Fondo Pensione Cr Firenze

Condividi

Come noto il ns Fondo ha deciso di alienare il proprio patrimonio immobiliare unità per unità e non, come altre istituzioni similari possessori di immobili da vendere, a grandi società immobiliari e/o operatori speculativi.

Questa decisione ha comportato e comporta un notevole aggravio di attività quali: selezione e controllo operativo sul territorio delle agenzie immobiliari, accompagnamento alle visite degli eventuali compratori, predisposizione e controllo di tutta la documentazione necessaria per la stipula dei contratti, stipula dei contratti stessi alla presenza di un notaio. Solo a titolo informativo l’anno scorso sono stati gestiti e stipulati oltre 110 contratti.

Altra caratteristica della ns. politica di vendita degli immobili è stata quella di far valutare OGNI anno da una primaria società specializzata (nel ns. caso BNP Real Estate), tutte le ns. proprietà. Tali valutazioni – che rispecchiano quindi i valori di mercato- vengono acquisite dal Fondo e le vendite NON possono essere effettuate a valori inferiori a tali valutazioni. Ogni offerta che non corrisponda al valore stabilito come sopra indicato viene portata all’attenzione della apposita Commissione immobiliare (che si riunisce ogni mese per esaminare tutte le varie problematiche) e successivamente, tenendo conto delle valutazioni della Commissione, direttamente al Consiglio di Amministrazione del Fondo che prende le decisioni finali.

Quanto precede ha permesso, su un totale vendite 2018 di 35,8 milioni, una plusvalenza di 2,5 milioni (percentualmente +7,5%). Ricordiamo che tutti gli appartenenti alla ex CR Firenze e società collegate al gruppo Intesa hanno diritto ad una prelazione per 30 gg. sugli acquisti immobiliari al prezzo prefissato dal meccanismo sopra indicato. Scaduta la prelazione le vendite vengono effettuale al maggior offerente, da qui le plusvalenze realizzate.

Nella seconda metà del 2018, avendo registrato un forte interesse per gli immobili situati nella zona di S. Frediano, abbiamo provveduto ad una immediata rivalutazione del 10% dei valori recepiti nei primi mesi dell’anno.

Ricapitolando l’attività del 2018 sono state effettuate vendite per 35,8 milioni.

La somma algebrica del valore patrimonio immobiliare al 31.12.17 + le rivalutazioni – meno le vendite – alcune svalutazioni (immobili commerciali) indicano in circa 136 mil. il valore del patrimonio a fine 2018.

Dal 1° gennaio 2019 al 10 marzo c.a. sono state effettuate vendite per 3,5 mil. (registrando una plusvalenza del 9%) mentre restano da concretizzarsi le proposte di acquisto già predisposte per circa 6,9 milioni.

Sono sempre in corso contatti per l’alienazione gli immobili di v. Baracchini e P.za Ottaviani (valore di circa 5 mil. ciascuno). Si tratta di contatti complessi data l’importanza delle cifre richieste che speriamo comunque di portare a termine fruttuosamente nel corso del corrente anno.

Tenendo conto delle vendite / proposte del primo trimestre 2019 la fatidica percentuale tra immobili e valore complessivo degli assets del Fondo scende al 29%.

E’ in corso la chiusura del bilancio 2018 per cui ulteriori aggiornamenti e/o precisazioni saranno portate a conoscenza in occasione dell’Assemblea annuale dell’Associazione Pensionati CRF prevista per il 7 maggio p.v.

Firenze 25 marzo 2019

Fabrizio FALSETTI


Condividi